“La potenza del programma musicale si è esplicata in tutta la sua portata grazie ad una esecutrice di rara capacità: Ingrid Carbone. L’artista non ha solamente eseguito degli spartiti, ma è riuscita svuotarsi del suo ego per riempirsi della passione e del trasporto contenuti nelle pagine di Schubert e Liszt, per poi riversarlo su degli ascoltatori incantati.”

(Francesco Bianchi – Quinteparallele)

“La lettura che ne fa Ingrid Carbone pone l’attenzione, per meglio dire l’accento, su una dimensione che, però, nulla ha di eroico, preferendo invece intingere il pennino dell’interpretazione nel calamaio dell’alba di una nuova spiritualità”

“la pianista cosentina concepisce una liquidità timbrica che permette di esprimere un fraseggio rarefatto, cristallino,[…]  la cui cantabilità sembra veramente richiamare la voce umana e che il pianismo dell’artista cosentina riesce a dipanare con un velo di sottile magia”

(Andrea Bedetti – MusicVoice, critico del CD “Les harmonies de l’esprit”)

“Ingrid Carbone  dimostra di possedere tutte le qualità per ben interpretare l’ungherese, superando ogni difficoltà che la tecnica trascendentale impone.”
(Cesare Guzzardella – Corrierebit, recensione del CD “Les harmonies de l’esprit”)

 

Premiata al concorso mondiale IBLA Grand Prize nel 2015, nel 2016 e nel 2017, in tutte le occasioni viene segnalata dalla New York IBLA Foundation tra “gli artisti che meritano l’attenzione del pubblico internazionale in quanto espressione di grande talento e professionalità”, attribuendole uno “standard di eccellenza assoluta”. In aggiunta, nel 2016 la New York IBLA Foundation le conferisce la Scarlatti Special Mention e nel 2017 la Piano Special Mention. Nel 2015 vince anche il Primo Premio al Concorso Musicale Internazionale “Erik Satie” di Lecce e il Secondo Premio al Concorso Pianistico Internazionale “Città di Rocchetta”.

Nel novembre 2018 l’etichetta Da Vinci Publishing Japan ha pubblicato il CD “Les Harmonies de l’Esprit” con quattro composizioni di Franz Liszt: Après une lecture du Dante: Fantasia quasi Sonata, Liebestraum n. 3, Consolations (six pensée poétiques) e Légende n. 2 (St. François de Paule marchant sur les flots). Tra questi, la registrazione di tutte e sei le Consolazioni insieme e della Legenda n. 2 è molto raro, così come rara è l’occasione di ascoltarli durante un recital.

Tracce dal suo CD sono state trasmesse dalla radio italiana: Radio Popolare, il 24.2.2019, ha trasmesso la Légende n. 2; “Primo Movimento”, Radio nazionale italiana, ha trasmesso la Consolazione n. 2.

Nell’ottobre 2019 Ingrid Carbone registrerà il prossimo CD contenente musiche di Franz Schubert negli Odradek Record Studios.

Nel 2017 la FIDAPA BPW Italy (Sezione di Rende) le assegna il Premio biennale Donna del Sud per meriti artistici. In occasione del Premio, la giornalista Donata Marrazzo del Sole 24 Ore le dedica un “ritratto” pubblicato su CalabriaCult dal titolo “Schubert, Liszt e la Matematica: ritratto di una concertista aristotelica”.

Nello stesso anno, la sua storia artistica e sue interpretazioni di Liszt appaiono nel film-documentario “Genialità italiana sotto le stelle”, presentato alla Biennale del Cinema di Venezia, e nei titoli di coda.

In aggiunta, il trimestrale CALABRIAnelMONDO le ha dedicato nel terzo numero del 2017 un servizio di quattro pagine dal titolo “Ingrid Carbone: una pianista calabrese, un’artista di rara capacità”.

Nel 2018, l’Associazione “La città del sole” del Rotary International le ha conferito il XXI Premio La città del Sole per la Sezione Arte.

In occasione di concerti in Italia e all’estero, del conferimento di premi e dell’esecuzione di due concerti di Bach con orchestra d’archi, la RAI e altri canali televisivi le hanno dedicato diversi servizi, tra cui l’intera trasmissione di un’ora (anche con musica dal vivo al pianoforte)  Proscenio su Tele Europa Network nel 2018.

Ingrid Carbone si è esibita per associazioni ed enti di prestigio, fondazioni, università, teatri e conservatori di musica in Italia e all’estero (Austria, Cina, Germania, Israele, Slovenia, Spagna, Ungheria)  come solista, con orchestra e con il violinista italiano Eugenio Prete, con il quale ha suonato regolarmente dal 2007 al 2015. Nella primavera del 2019 è andata in Cina per suonare, tenere masterclasees e conferenze per docenti di pianoforte. Il prossimo tour della Cina è previsto per la primavera 2020. 

Oltre all’attività concertistica, Ingrid Carbone è interessata alla diffusione della musica: ha nel suo programma diverse conferenze – concerto.

Dal 2007 al 2015 ha suonato regolarmente in duo con il violinsta Eugenio Prete.

E’ stata invitata a far parte di giurie di concorsi pianistici internazionali.

Ingrid Carbone ha iniziato la sua formazione musicale in Italia, al Conservatorio di Musica di Cosenza, sua città natale, dove ha studiato con il M° Maria Laura Macario e il M° Flavio Meniconi, e ha conseguito il Diploma di pianoforte all’età di diciannove anni con il M° Francesco Monopoli. Al Comnservatorio ha studiato anche Composizione.

Ha seguito Masterclasses in Italia e all’estero presso accademie prestigiose perfezionandosi con pianisti di fama internazionale: ha seguito la sua prima Masterclass ancor prima di conseguire il diploma con il M° Sergio Cafaro all’Accademia Musicale Pescarese; subito dopo il Diploma si è perfezionata con il M° Hector Pell all’Accademia Curci di Barletta, dove ha seguito un Corso Biennale Internazionale di Perfezionamento Pianistico a seguito del quale ha conseguito il Diploma d’Onore; successivamente, ha seguito una Masterclass con il M° Lazar Berman e un’altra con  il M° Aquiles delle Vigne presso la Scuola di Musica e Arte “Il Trillo” a Firenze e ha studiato con il M° Eduardo Ogando a Roma.

Si è perfezionata all’estero con il M° Aquiles delle Vigne a Brussels, all’Internationale Sommerakademie – Universität Mozarteum di Salisgurgo e, nel 2017, in Israele, in occasione della XXV edizione del Tel-Hai International Piano Master Classes: durante tre settimane di lavoro, ha anche seguito una seconda Masterclass con il M° Andrzej Pikul e ha avuto lezioni con il M° Emanuel Krasovsky e con il M° Ronan O’Hora. Ingrid Carbone era l’unica partecipante italiana tra circa sessanta pianisti arrivati da tutto il mondo.

Recentemente, ha seguito diverse Masterclass con il M° Cristiano Burato.

Ingrid Carbone ha un vasto repertorio, che spazia dai clavicembalisti (inclusi i concerti di Bach con orchestra d’archi) al XX secolo.

Personalità eclettica, tra le sue passioni la matematica, che l’ha portata a laurearsi a soli 21 anni con il massimo dei voti e la lode all’Università della Calabria. A 27 anni ha vinto il concorso da ricercatore all’Università di Bari. Autrice di diversi articoli scientifici, ha tenuto comunicazioni e conferenze su invito in Europa e al Fields Institute for Research in Mathematical Sciences in Toronto (Canada). Attualmente insegna Analisi Matematica all’Università della Calabria, dove ha anche ricoperto l’incarico di Presidente della Biblioteca Scientifica per diversi anni.

© 2018 Ingrid Carbone | Photo Daniela Camo | web mariannasposato
Privacy&Cookie Policy