Intervista di Andrea Bedetti su Musicvoice – Ingrid Carbone tra il rigore della matematica e la libera espressione della musica
Maggio 9, 2024

Abbiamo intervistato l’affermata pianista calabrese, la quale condivide la passione per il mondo dei suoni con quello dei numeri (è docente presso l’Università della Calabria). Le sue risposte rappresentano una riflessione, appassionata e sincera, sui dilemmi, sui dubbi e sulle possibili risposte di chi, in nome dell’arte e della scienza, vive e ricerca tra ragione e sentimento

Maestro Carbone, quali sono state le motivazioni e le spinte esistenziali e culturali grazie alle quali è diventata una pianista concertista? E, più in generale, esiste a suo avviso una specie di “ricetta” partendo dalla quale questo diventare un qualcosa in ambito artistico può essere valida per molti?

Se dicessi che il pianoforte è la mia vita, cadrei nel banale, se dicessi che non posso fare a meno di pensare al pianoforte come fosse un prolungamento del mio corpo, cadrei un po’ nello scontato. Tuttavia, senza queste due riflessioni preliminari, per quanto ovvie esse sembrino, non sarei mai diventata una pianista concertista. E però non bastano a spiegare il mio percorso e le mie scelte. Volendo usare il linguaggio matematico, direi che esse sono condizioni necessarie, ma non sufficienti. Se parliamo di “ricetta”, posso senza dubbio elencarne gli “ingredienti”, alcuni dei quali generali, altri molto personali. Quelli generali, che valgono un po’ per ogni musicista e che costituiscono – usando ancora un’espressione matematica – il massimo comune denominatore, sono la pazienza, la costanza, la disciplina, l’umiltà. Quelli generali, invece, si legano alla prima parte della sua domanda, complessa come la risposta che cerco ora di sintetizzare.

Leggi l’intervista completa qui>>

Subscribe to my Newsletter

Subscribe to my Newsletter

Join my mailing list to receive the latest news and updates about my music.

You have Successfully Subscribed!